martedì 5 dicembre 2006

Analisi della crisi del Milan

Qui sopra, il presidente del Milan, deciso a non darsi per vinto

Non ve l'ho ancora detto, ma la maggior parte di voi già lo sa: sono milanista. E quest'anno non è affatto facile esserlo...
Gli interisti, vittime di sberleffi da tempo immemore, stanno finalmente prendendosi la rivincita: la loro Inter avanza quasi inarrestabile verso la conquista dello scudetto (pare che papa Ratzinger stia già toccando "ferro"), Moratti gongola più del gongolo di Striscia e Materazzi, invidioso di Totti e Gattuso, ormai accarezza il sogno di poter fare l'uomo immagine per i nuovi spot della Telecom, ruolo promessogli da Tronchetti Provera in caso di bis (?) in campionato. Lo slogan sarà: "Più meni, meno paghi".
Gli juventini, paradossalmente, forse stanno anche meglio: la loro Juve ha (o avrebbe) espiato le proprie colpe, marcia trionfalmente verso la riconquista della A, batte Zeman, assapora il gusto di fare la vittima per alcune ininfluenti sviste arbitrali, riscrive tutti i record della serie cadetta e soprattutto fa crescere giovani promettenti che, forse, non sarebbero mai stati realmente presi in considerazione se non fosse scoppiato lo scandalo "Calciopoli". Solo Lapo Elkann non vuol essere troppo ottimista: invita i calciatori a stare "in riga" ma essi disobbediscono per paura di essere tirati su (e non di morale).
E i milanisti? Noi siamo quelli messi peggio...
Siamo passati dalla richiesta del mio amico personale di riottenere due scudetti al doverci conquistare la partecipazione alla Champions solo attraverso i preliminari; dalla condizione di vittime a quella di conniventi prima e di artefici di tutto poi.
In più l'ucraino se n'è andato ad imparare l'inglese, Ancelotti chiede consigli alla moglie su come comportarsi quando si è alla fine di un ciclo, Costacurta e Maldini giocano una settimana sì ed una no per concentrarsi anche sul torneo di boccette al quale partecipano, Milan Lab ha dovuto munirsi dell'elimina-code, arbitri e guardalinee vogliono dimostrarsi superiori al presunto potere (dimenticandosi che, se c'era prima, adesso non c'è più), la squadra batte la fiacca mentre la dea della fortuna batte sul marciapiede.
Dopo un ottimo avvio, i risultati lasciano a desiderare: lo scudetto ormai è andato e la Coppa Italia figuriamoci se non la vince Mancini; resterebbe la Champions ma, se si continua a giocare così, è più pronosticabile una sincera stretta di mano tra Di Pietro e Mastella che un'affermazione dei rossoneri in Europa.
La situazione, se non si parlasse di sport, sarebbe da definire tragica. E Galliani non può farci nulla, è inibito e rispetta la decisione che è stata presa: se ne sta rinchiuso in casa, non usa più le cravatte gialle portafortuna, simpatizza Solbiatese e, come avrete certamente notato, ormai non si fa vedere più in tv.
Io so cosa andrebbe fatto e ne ho parlato con il mio amico personale. Gli ho detto "qui ci vuole una rifondazione" ma lui mi ha risposto "no, se va via l'Udc è meglio puntare sull'Udeur, lascia stare Bertinotti anche perchè tengo alla vita dei miei nipotini. Sai, i comunisti..."

FORZA MILAN!!! AI BARZELLETTIERI BASTA GIA' L'INTER!!!

9 commenti:

pecosapientus ha detto...

Non esagerate con i commenti al post del buon vecchio Zio!!!!

Su ragazzi capisco che non ci sia molto da dire, ma almeno un piccolo incoraggiamento.

Per esempio.....

MA QUALE CRISI???????????

Matteo-86 ha detto...

Beh, in effetti, il problema dei miei post è che sono incommentabili, perchè le visite invece ci sono! Solo che purtroppo scappano dopo la lettura...

Quanto al tuo quesito... Vuoi davvero una risposta???

Ma porca pupazza, non è crisi questa!?! :X

ps: ma chi me l'ha fatto fare a postare la mia foto!?! E comunque magari fossi Bergomi! Potrei frequentare il mio mito Fabio Caressa!!!

Ciauz!

Anonimo ha detto...

Una crisi presuppone che le cose andassero meglio prima!!!

P.s. Te lo ripeto, Bergomi è un bell'uomo, certo si depilasse un pochino le sopracciglia!

periclitor ha detto...

Crisi Milan spiegata facilmente,Silvio non ha Sborsato una Sega.......dopo le 3 I per la scuola ecco le 3 S per lo sport

Matteo-86 ha detto...

Beeeellaaa!

Ciao Peri...

Ricky ha detto...

Mah..
io dico solo una cosa..anzi 2:

1- Bel blog Matteo, complimentoni davvero continua così!! Ti ho linkato da me!

2- Forza Juveeee!!

Ciao!!
Ricky
www.riccardof.com

Matteo-86 ha detto...

Grazie Ricky, come vedi io avaevo già fatto altrettanto...

Ciauz!

valeria ha detto...

Ciao Matteo,
grazie per la tua visita che come vedi ho subito contraccambiato..
Complimenti per il tuo blog .. interessanti spunti di riflessioni..
Ho postato questo intervento perchè anch'io sono milanista e sto soffrendo per quest'anno di campionato (almeno mi consolo con il Palermo).Ciao Valeria

Matteo-86 ha detto...

Beh, per il Milan sono fiducioso (per il prossimo anno, con il prossimo allenatore ed i prossimi 8/11!!!), per il Palermo hai scelto il giorno sbagliato per definirlo motivo di consolazione!